News

Un drone può salvare la vita

Ora, grazie alle ultimissime tecnologie, si potrebbe affermare che il cellulare può salvarla la vita, anche a chi si trova in una situazione di emergenza e non è neanche in grado di fare una telefonata.

Tutto questo, grazie al connubio tra WiFi e droni e a una tecnologia sviluppata dallo Swiss Federal Institute of Technology, capace di rintracciare la posizione del cellulare grazie al segnale wireless e in un’area di circa 3 metri.

In uno scenario di emergenza post terremoto o dopo una una valanga, quando è necessario e urgente individuare persone sotto le macerie o la neve: il drone in questi casi può registrare la potenza del segnale WiFi e, in base a questo, determinare a che profondità una persona è intrappolata, fornendo ai soccorritori un’immagine 3D in grado di indicare dove concentrare le ricerche.

I droni sono già stati utilizzati nelle operazioni di ricerca: ad esempio, rilevando le tracce termiche, possono aiutare le squadre di soccorso ad individuare una persona dispersa nei boschi o sotto la neve.

Negli Usa, dove l’uso dei velivoli senza pilota non è ancora stato regolamentato, un ente non profit è stato autorizzato dal giudice a usare questi apparecchi nonostante le obiezioni dell’aviazione civile.

I droni possono essere anche utilizzati anche per fornire connettività WiFi laddove le infrastrutture fossero messe fuori uso da una calamità naturale. Anche Facebook potrebbe presto cominciare a usarli per portare l’accesso a internet in quelle aree del mondo che ancora ne sono sprovviste, a cominciare dall’Africa.

Nei giorni scorsi, il presidente Usa Barack Obama ha annunciato un decreto legge volto a tutelare la privacy dei cittadini dall’invasione di questi velivoli, ma ovviamente in casi di emergenza, a nessuno importerebbe sacrificare la riservatezza dei dati della connessione WiFi del cellulare.

Fonte: Key4biz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *